La pesca e il turismo azzurro

XXVII Rassegna del Mare – Cefalù, 13 ottobre 2018 

Tavola Rotonda ” La pesca e il Turismo Azzurro” – Coordina: Domenico Targia del Dipartimento della Pesca Mediterranea Regione Sicilia

 

Nel cuore del Mediterraneo pulsa di vita la penisola italiana, lambita da 3/4 dal mare con 7375 chilometri di costa, di cui 4969 balneabili. In linea con la politica marittima integrata, sposata tra gli Stati membri dell’Unione Europea, l’Italia è impegnata a proteggere, salvaguardare e, ove possibile, ripristinare l’ambiente marino, contrastandone il degrado, al fine ultimo di mantenere la biodiversità e preservare la diversità e la vitalità di mari nel tentativo che siano puliti, sani e produttivi. 

In sintonia con questa strategia l’associazione ecologico-scientifica Mareamico è in trincea quotidianamente per garantire la protezione e il risanamento degli ecosistemi marini e per assicurare la correttezza ecologica delle attività economiche connesse all’ambiente marino con un occhio particolare rivolto alla pesca.

Nel corso della Tavola Rotonda “La pesca e il Turismo Azzurro” i relatori hanno affrontato l’argomento relativo alla necessità di istituire un Registro Identitario della pesca mediterranea, dei borghi marinari e delle tonnare per la valorizzazione dei prodotti ittici di Sicilia e delle connesse tipicità enogastronomiche, promuovendo una corretta informazione ai consumatori, per la tutela e la trasparenza del mercato, attraverso l’etichettatura e la tracciabilità dei prodotti senza tralasciare la promozione di una cucina identitaria. 

Sono state vagliate numerose proposte in primis quella di stimolare gli enti pubblici e privati a perseguire una politica incisiva a medio e a lungo termine. Senza se e senza ma ha preso corpo l’esigenza di procedere verso l’Assessorato al Mare di Sicilia oltre a stabilire un impegno più congruo da parte delle associazioni di categoria. 

La risposta ideale, infatti, è quella di trovare soluzioni idonee, intrecciando un filo conduttore tra la dimensione istituzionale e quella civile e facendo ricorso ad una task-force di progettazione partecipata in nome del turismo identitario non solo sostenibile ma rispettabile delle identità collettive di un luogo. Imperativo categorico è quello di dare stabilità e coerenza alle politiche di sviluppo sostenibile e di protezione del mare a trecentosessanta gradi, tenendo in somma considerazione tutti gli aspetti senza mai perdere di vista il ricorso all’economia circolare in grado di favorire il dialogo tra le nazioni. 

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *